Jury Chechi – Il signore degli anelli che salì sull’Olimpo dello Sport

Jury Chechi – Il signore degli anelli

Olimpiadi; Atlanta 96. E’ il 28 luglio 1996, anzi, in Italia sono le 6 del mattino del 29 luglio 1996; un ragazzo toscano di 166 cm esegue un capolavoro di coordinazione, forza e agilità e regala a tutti gli italiani un’emozione unica. Quando le scarpe si schiantano sul materassino, le gambe si piegano e la schiena si raddrizza. Jury esulta, impazzisce dalla felicità e come lui tutti quegli italiani che dopo un’insonne notte sportiva si trovano seduti sul divano ad ammortizzare la caduta, come fossero loro a dover vincere un Oro Olimpico. Le note dell’Inno di Mameli di quella notte, Jury sicuramente non le dimenticherà mai, ma probabilmente neanche molti di noi.

Si è posato come una foglia che si arrende sì all’autunno, rivendicando a sé la grazia del volo. È Jury Chechi ” Buonanotte.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi