Farinos e quella semifinale di Coppa Uefa passata dalle sue mani
Tempo di lettura: 1 minuti

credit immagine: Pepito.

21 marzo, inizio della primavera. Ma per i tifosi dell’Inter è il “Farinos Day”. Correva l’anno 2002. Quarti di finale di Coppa Uefa (oggi Europa League). L’Inter affronta fuori casa il Valencia dopo aver pareggiato 1 a 1 in casa. Inizia la gara e Nicola Ventola porta in vantaggio i nerazzurri. Il Valencia attacca, i nerazzurri resistono. All’ottantottesimo minuto accade l’imprevedibile: Francesco Toldo viene espulso per doppia ammonizione. Francisco Javier Farinos, minuto centrocampista spagnolo, in forza ai nerazzurri, decide di infilarsi i guanti da portiere e piazzarsi tra i pali in difesa della propria porta. Hector Cuper, tecnico dell’Inter ha già effettuato tutte le sostituzioni. Il Mestalla di Valencia, ex casa dello spagnolo è un inferno. I tifosi dei pipistrelli spingono la squadra galvanizzati dalla superiorità numerica. La bolgia spagnola spinge i propri beniamini verso un goal che li porterebbe alle semifinali di Coppa Uefa. Minuti lunghissimi, Momenti interminabili…ma Farinos non cadrà: porta inviolata e Inter in semifinale!

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi