Samia -Un sogno volato via come un soffio di vento
Tempo di lettura: 2 minuti

credit immagine: Flash Alexander.

Correre significa libertà, voglia di vivere. Uno stile di vita che per Samia significava tanto, tutto. Sentire il vento sul volto e il battito del cuore muoversi al ritmo cadenzato dei propri passi. Una passione talmente forte da arrivare al sogno di ogni corridore: le Olimpiadi.

Pechino 2008

Olimpiadi 2008. Samia si ritrova in batteria per le eliminatorie dei 200 metri femminili, accanto ad atlete del calibro di Veronica Campbell Brown (che vincerà in modo sciolto la batteria) e Kadiatou Kamara. Parte la gara, le altre corrono via come razzi. La giamaicana controlla e vince la batteria agevolmente. Samia è ancora ai 100 metri. Ma non molla. Saranno quasi 10 i secondi di ritardo. 10 secondi di applausi di un pubblico, conquistato dalla tenacia e dalla fierezza di quella ragazzina, orgogliosa di rappresentare il proprio paese.

Le telecamere e le interviste del post gara saranno tutte per lei. “Avrei preferito essere intervistata per essere arrivata prima, invece che venire intervistata per essere arrivata ultima.” Dichiarerà con orgoglio Samia, quasi a voler far capire di non voler diventare la macchietta di giornata.

Un sogno spezzato

La voglia di migliorare, di dimostrare di poter fare ancora meglio, la spingeranno oltre i confini della sua amata Somalia. Le Olimpiadi di Londra nel mirino, con l’obiettivo di superare le eliminatorie. Ma Samia non ci sarà.

View this post on Instagram

#samiayusufomar

A post shared by Fanfreluche de Martingale (@fanfreluchedemartingale) on

Morirà in un incidente al largo di Lampedusa, insieme ad altre sei persone, in una piccola barca che affonderà. Il sogno di sbarcare in Italia, trovare un allenatore che potesse aiutarla nel realizzare il suo sogno, si infrangerà tragicamente e nel peggiore dei modi. Un finale straziante, una giovane vita spezzata da un destino più che crudele. Una ragazza con un sogno nel cassetto che resterà tale. Una vita stroncata in un modo che ormai non fa più notizia. Perchè troppe Samia hanno visto i propri sogni annegare in modo tragico, perchè nessuno dovrebbe più morire in un modo tanto brutale, quanto ingiusto.
Corri come il vento Samia. Ovunque tu sia, ti vogliamo bene.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi