Roland Garros – Maxime Hamou e quel doppio fallo da condannare
Tempo di lettura: 2 minuti

credit immagine: Carine06.

Roland Garros – Un’intervista troppo focosa

No, la storia di oggi non è quella di un Trungelliti che viaggia da Barcellona a Parigi nella notte, con mamma e nonna al seguito, solo per arrivare in tempo per la firma e giocare il primo turno del Roland Garros. Nemmeno quella di Marco Cecchinato che sfiora la finale giocando un tennis fantastico. La storia di oggi parla di un Momento di follia forse dovuto alla troppa euforia della prima volta, o all’adrenalina del post gara che assunse in ogni caso aspetti vergognosi.

Lo spiacevole accaduto

Lo scorso anno il tennista francese Maxime Hamou riuscì a partecipare per la prima volta al Roland Garros. Arriva grazie ad un accredito e, nemmeno il tempo di calcare la terra rossa di Parigi che viene eliminato al primo turno, sconfitto dall’uruguaiano Pablo Cuevas con un netto 6-3; 6-2; 6-4. La sconfitta non sembra scalfire il buon umore di Hamou -forse un po’ troppo esaltato per la sua prima partecipazione- che si presenta all’intervista post partita con un sorriso smagliante. La giornalista Maly Thomas cerca di cogliere le sensazioni del tennista, cercando di tirarne fuori le emozioni della prima volta al Roland Garros. Hamou tuttavia non sembra interessato a sensazioni ed emozioni, ma alla bella ragazza che gli sta di fronte. Comincia così una imbarazzante intervista, con la giornalista di Eurosport Francia intenta a mantenere la calma nonostante il tennista provi ripetutamente a baciarla e a toccarla. Il finale assume aspetti vergognosi. L’accaduto non sfugge all’organizzazione del torneo, ed alla federazione francese che toglie l’accredito ad Hamou, squalificandolo immediatamente dalla competizione parigina nonostante avesse già perso.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Successivamente arrivarono le parole del ministro dello Sport francese, Laura Flessel, ex campionessa olimpica ad Atlanta 96, che condannò fermamente l’accaduto. Anche le scuse del tennista non tardarono ad arrivare, forse cosciente di averla combinata grossa.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi